I 5 migliori whisky giapponesi

Il Giappone, che produce distillati di rara finezza, ha da anni un’accesa rivalità con la Scozia in fatto di whisky. Le etichette giapponesi, infatti, sono ormai considerate tra le migliori al mondo e hanno ottenuto grandi riconoscimenti internazionali.

Scopriamo insieme quali sono i cinque migliori whisky giapponesi da provare assolutamente:

Yamazakura

Delicato ed elegante, è un whisky tra i migliori al mondo. Il suo nome evoca il profumo dei ciliegi (sakura) e la montagna (yama). Aromi di frutta, vaniglia e agrumi, si mescolano con sapori di caramello e pane tostato. Per il suo gusto delicato, morbido e setoso è adatto anche ai palati meno esperti.

Perché provare il whisky Yamazakura:

  • provenienza: Fukushima;
  • olfatto: note di caramello confluiscono con eleganza in profumi di fiori d’arancio, rovere e vaniglia;
  • palato: fruttato, con sapore di mela e pera. Si percepiscono anche caramello, biscotto al burro e erba verde;
  • finale: medio, con note di caramello, vaniglia, mela e un leggero sentore di pane tostato;
  • gradazione alcolica: 40%;
  • colore: ambra pallido.

Hibiki

È un blended whisky di tre distillerie diverse, incredibilmente equilibrato e fra i più pregiati del Paese. Ha un profumo di buccia d’arancia e cioccolato bianco. Il nome Harmony, che si accompagna al prodotto, si riferisce proprio all’equilibrio cercato nella miscela. È caratterizzato da un particolare ingrediente: Mizunara, la quercia giapponese, che gli conferisce un effetto speziato e al tempo stesso morbido.

Perché provare il whisky Hibiki:

  • provenienza: Osaka;
  • olfatto: floreale con sentori di rosa, rosmarino e fiori di arancio;
  • palato: morbido e dolce, con note di miele, scorza d’arancia candita, albicocche e cioccolato bianco;
  • finale: sottile e lungo, con accenni di spezie;
  • gradazione alcolica: 43%;
  • colore: oro profondo.

Tenjaku

È un blended creato dalla miscela di single malt e single grain (cereali diversi dall’orzo maltato), invecchiato in botti di rovere americana. Presenta un gusto arrotondato e morbido con sentori di pera, fiori, quercia bianca e note leggermente affumicate. È il whisky usato per il long drink più amato in Giapponese, l’highball. Rinfrescante e delizioso, è servito in tutti i cocktail bar fino tarda sera.

Perché provare il whisky Tenjaku:

  • provenienza: zona di Fuefuki, ai piedi del monte Fuji;
  • olfatto: si percepiscono iniziali note di vaniglia che lasciano spazio a sentori di fiori, cera d’api e leggerissimo fumo;
  • palato: note fruttate con banana, arancia e pera. Sapori di crema pasticcera e burro;
  • finale: delicato e di breve persistenza, con profumi di zenzero e miele
  • gradazione alcolica: 40%;
  • colore: ambra.

Akashi

È uno dei prodotti più pregiati della distilleria White Oak. Il malto fermentato viene distillato in apparecchi a colonna e poi lasciato affinare per 12-24 mesi in barrique di rovere (prima dell’imbottigliamento). Estremamente fresco ed elegante, ha un aroma forte contrastato da miele e agrumi. La produzione è limitata.

Perché provare il whisky Akashi:

  • provenienza: Baia di Kobe;
  • olfatto: dolce e speziato con note di pepe, agrumi, vaniglia e miele;
  • palato: potente e oleoso. Dolce con sentori di miele, legno, spezie e cannella;
  • finale: lungo, con note di miele, spezie e cannella;
  • gradazione alcolica: 40%;
  • colore: ambra leggera.

Yamazaki

Si tratta di un whisky single malt leggero dal sapore speziato e dolce. Ha un gusto di ribes, lamponi e mirtilli, con profumi di pesche, cachi maturi e marmellata di arance. L’invecchiamento avviene in diversi tipi di botti. Nel 2013 ha vinto il premio di miglior whisky del mondo alla San Francisco World Spirits Competition.

Perché provare il whisky Yamazaki:

  • provenienza: Osaka;
  • olfatto: espressivo e intenso. Inizia con aromi di legno e pino per poi liberare profumi di frutta e fiori estivi. Si avvertono note di vaniglia, miele, cannella e noce moscata;
  • palato: morbido e vellutato, con sapore di ribes, miele, cocco e spezie;
  • finale: piacevolmente lungo con profumi di vaniglia e legno;
  • gradazione alcolica: 43%;
  • colore: ambra.

Guarda anche:

Sushi e cocktail, gli abbinamenti perfetti

Non solo onigiri, tempura e sashimi. Adesso il vero food trend è quello di scegliere...

Tatami giapponese: tra storia e tradizione

Quando utilizziamo il termine "tatami giapponese" possiamo riferirci ad una serie di cose piuttosto diverse...

Carne Wagyu caratteristiche e differenze con la Kobe

Carne Wagyu e manzo Kobe: tanto simili quanto diverse La carne Wagyu cos'è? È uno...